Indietro

17 fatti strani su San Valentino che ti sorprenderanno

17 Fatti strani su San Valentino? Tutti conoscono San Valentino: shopping di regali di San Valentino, pianificazione degli appuntamenti, cene romantiche e tantissime attività a tema “cuore”.
In mezzo al trambusto, in nome dell’amore, ti sei mai chiesto, perché festeggiamo esattamente San Valentino?

È ora di prendersi una pausa dalla lista delle cose da fare del 14 febbraio e di scoprire invece alcuni fatti e “strani” di San Valentino, inclusa la storia della festività.

Quando arriva il 14 febbraio, possiamo aspettarci di scambiarci messaggi d’amore attraverso cartoline premurose, mazzi di fiori e scatole di cioccolatini a forma di cuore.

Anche se queste azioni sono piccole, sicuramente ti faranno battere forte il cuore e rallegreranno la giornata della persona amata. Ma per quanto sentimentale possa essere la vacanza, hai mai pensato al motivo per cui celebriamo San Valentino?

Che tu ci creda o no, il 14 febbraio non è sempre stata una celebrazione dell’amore e abbiamo trovato alcuni dei fatti di San Valentino più interessanti e divertenti che lo renderanno ancora più speciale. Anche se ci sono molti fatti che hanno senso per le festività, come il modo in cui ogni anno vengono prodotti oltre 8 miliardi di cuori di caramelle e 145 milioni di biglietti inviati ai propri cari, ci sono alcune verità che potrebbero sembrare un po’ troppo oscure per essere reali. Per darti un’anteprima della strana storia, secoli fa, i nostri antenati celebravano la giornata sacrificando animali per incoraggiare la fertilità, e fu solo nel 1300 che il 14 febbraio divenne una festa ufficiale associata all’amore.

È quasi troppo inquietante per crederci, non è vero?


Con questi fatti, quest’anno puoi aggiungere un po’ di entusiasmo alla tua festa di San Valentino o persino fare domande ai tuoi amici durante una riunione di San Valentino. Non importa se sarai accanto al tuo partner, ai tuoi amici, alla tua famiglia o da solo il 14 febbraio, è comunque un giorno speciale che vale la pena celebrare e su cui imparare di più.

Scopri la vera storia dietro alcune delle prelibatezze più popolari di San Valentino, scopri perché questa festa è per gli uccelli e scopri cosa tutto questo ha a che fare con un santo!


Fatti strani su San Valentino Numero 1

Il precursore della festa era una festa romana della fertilità.

Potrebbe essere difficile da credere data l’innocuità della festa al giorno d’oggi, ma le radici di San Valentino affondano in una sanguinosa festa pagana della fertilità risalente al VI secolo a.C. Ogni anno, tra il 13 e il 15 febbraio, i romani celebravano i Lupercalia sacrificando animali e schiaffeggiando le donne con la loro pelle, che si credeva le rendesse più fertili. Successivamente, le donne sarebbero state accoppiate con gli uomini “tramite lotteria”. Sicuramente non è il modo più romantico per trovare un partner!

17 fatti strani su san valentino - san valentino - lotteria dell'amore
Qui rappresentata in modo scherzoso, ma di scherzoso aveva ben poco.

Fatti strani su San Valentino Numero 2

C’era più di un San Valentino. La storia racconta che Papa Gelasio I mise fuori legge i Lupercalia alla fine del V secolo e istituì la festa di San Valentino il 14 febbraio. Ma chi era il santo patrono della festività? La maggior parte delle fonti indica uno dei due uomini con lo stesso nome: un prete romano del terzo secolo che sfidò (e fu martirizzato da) Claudio II Gotico, o un altro sacerdote dello stesso periodo ma che proveniva da una città a circa 60 miglia di distanza nel quella che è l’odierna Terni, in Italia (fu martirizzato anche da Claudio II). Per confondere ulteriormente le acque, alcuni sostengono che questi due San Valentino fossero la stessa persona, mentre il Centro Risorse per l’Educazione Cattolica indica i primi martirologi di addirittura tre San Valentino, tutti festeggiati il ​​14 febbraio.

Quanti furono realmente i "Valentino"?
Quanti furono realmente i “Valentino”?

Fatti strani su San Valentino Numero 3

Il giorno di San Valentino non era romantico fino al Medioevo.

E dobbiamo ringraziare gli uccelli e Chaucer. Nel medioevo, era opinione comune che gli uccelli iniziassero ad accoppiarsi a metà febbraio, in particolare il 14, ovvero il giorno di San Valentino. Secondo alcuni studi, a quei tempi si tendeva a fare riferimento alle date del santo designate quel giorno dal calendario della Chiesa (non esistevano calendari stampati e i nomi erano più facili da ricordare rispetto ai numeri). Grazie a questa coincidenza, il giorno di San Valentino è stato associato al fare come un uccello e all’accoppiamento.

Sebbene il termine “piccioncini” sia diventato una figura retorica popolare, è anche il nome comune degli uccelli Agapornis. Questo uccello è un tipo di pappagallo originario del continente africano e può essere trovato in tutte le regioni orientali e meridionali. Gli animali viaggiano solitamente in coppia, motivo per cui molte coppie vengono chiamate piccioncini.


Questa nozione è il tema di una delle prime poesie di San Valentino che associa il giorno all’amore romantico e al matrimonio, “Il Parlamento dei Galli”, scritta da Chaucer nel 1381: “Perché questo era il giorno di San Valentino, / Quando ogni uccello arriva lì il suo compagno da prendere“, recita uno dei versi.
Il defunto studioso Jack B. Oruch, professore di inglese all’Università del Kansas, stabilì che Chaucer fu il primo a collegare il giorno di San Valentino e il romanticismo, il che, teorizzato da Oruch, rese il poeta l’ideatore della festa romantica che celebriamo oggi. Indipendentemente dal fatto che Chaucer possa prendersi tutto il merito, ha sicuramente reso popolare l’idea.

17 fatti strani su san valentino - uccellini innamorati
Secondo una leggenda, San Valentino potrebbe aver avuto origini del periodo di accoppiamento degli uccellini.

Fatto strano su San Valentino Numero 4

Il primo San Valentino conosciuto ha alle spalle una triste storia d’amore.

Si dice che il primo San Valentino sia stato una poesia inviata nel 1415 da Carlo, duca d’Orleans, a sua moglie. Imprigionato nella Torre di Londra dopo la sua cattura nella battaglia di Agincourt, scrisse: “Sono già stufo d’amore, mio ​​dolcissimo Valentino“. Sfortunatamente, sarebbero passati altri 20 lunghi anni prima che il ventunenne venisse rilasciato dalla sua cella.

sarebbero passati altri 20 lunghi anni prima che il ventunenne venisse rilasciato dalla sua cella

Fatto strano su San Valentino Numero 5

Mettere il cuore in chiaro potrebbe essere stata una cosa reale.

Shakespeare usò l’espressione in Otello, e questo è il primo esempio registrato conosciuto. La frase fu un colpo di genio poetico oppure il famoso drammaturgo la trasse dalla vita reale? Secondo Merriam-Webster, è possibile che la frase risalga all’era delle giostre medievali, quando un cavaliere poteva dedicare un incontro a una dama legando qualcosa di lei, come una sciarpa, attorno alla manica dell’armatura. Che cavalleresco!


Fatto strano su San Valentino Numero 6

Cupido era un dio greco. Letteralmente. Sì, quel simpatico bambino paffuto con l’arco e la freccia che associamo a San Valentino iniziò nel lontano 700 a.C. come il dio bello e virile dei greci, Eros. Capace di far innamorare (o odiare) i mortali con le sue frecce magiche, fu trasformato in Cupido dai romani intorno al IV secolo a.C. Ma, fu solo all’inizio del XIX secolo che Cupido divenne il volto di San Valentino per le sue “capacità di creare amore”.

17 fatti strani su san valentino: Cupido - Dio Greco dell'Amore
Cupido – Dio Greco dell’Amore

Fatto strano su San Valentino Numero 7

La startup di un giovane laureato ha plasmato l’industria americana dei biglietti di auguri.

Man mano che celebrare San Valentino diventava sempre più popolare, le persone iniziarono a distribuire piccoli bigliettini scritti a mano e altri simboli d’amore. All’inizio del 1700 questa pratica aveva probabilmente raggiunto l’America, ma i biglietti di San Valentino prodotti in serie non furono ampiamente adottati negli Stati Uniti fino alla metà del 1800, quando la “madre del San Valentino americano” Esther A. Howland, figlia di un cartolaio del Massachusetts e di un neolaureata del Seminario femminile di Mount Holyoke, ha cambiato le regole del gioco.

Ispirati ai San Valentino inglesi, i suoi biglietti, realizzati con amore con veri pizzi e nastri, erano sentimentali e dolci e un successo immediato sul mercato commerciale.

Tuttavia, ciò che rese fattibile la sua idea imprenditoriale fu l’installazione di una catena di montaggio a domicilio, che fece scendere il prezzo di un elaborato biglietto di San Valentino fatto a mano da circa un dollaro (molto costoso per quei tempi) a soli cinque centesimi.

biglietto di san valentino

Fatti strani su San Valentino Numero 8

Ogni anno vengono regalati ben 145 milioni di biglietti di San Valentino.

E questo non include nemmeno i bigliettini strappabili che i bambini inseriscono nelle scatole di San Valentino dei loro compagni di classe a scuola. Questo numero rende San Valentino la seconda festa più popolare per regalare cartoline, subito dopo Natale, secondo Hallmark, che tra l’altro è stata fondata da un altro giovane imprenditore, il diciottenne J.C. Hall nel 1910.


Fatto strano su San Valentino Numero 9

Il cioccolato di San Valentino è stato un colpo di genio del marketing. La prossima volta che aprirai una bellissima scatola di cioccolatini a forma di cuore il 14 febbraio, puoi ringraziare Richard Cadbury. Figlio del produttore di Cadbury Chocolate, creò la prima scatola di cioccolatini a forma di cuore conosciuta nel tentativo di aumentare le vendite dell’azienda di famiglia. Da quella prima scatola di San Valentino venduta nel 1861 si sviluppò un’industria che ora conta circa 36 milioni di scatole di cioccolato a forma di cuore vendute ogni anno.


Fatto strano su San Valentino Numero 10

Gli iconici cuoricini di caramelle americani, decorati con i messaggi di San Valentino sono stati creati per la prima volta da una macchina inizialmente inventata per produrre pastiglie mediche. Ma non passò molto tempo prima che il farmacista con sede a Boston che ha ideato il design del gadget decidesse di passare dalla produzione di gocce per la tosse alla produzione di wafer caramelle, rinominando la sua azienda come New England Confectionery Company, o Necco. Nel 1866, Necco produceva caramelle stampate con messaggi che includevano “Sposati in bianco, hai scelto bene” e “Quanto tempo dovrò aspettare? Per favore sii rispettoso”. Trentacinque anni dopo, quella caramella ha assunto la familiare forma a cuore che conosciamo e amiamo oggi. Ogni giorno vengono prodotte circa 100.000 libbre di piccole caramelle gessose e loquaci, che hanno una durata di cinque anni. Ciò equivale a ben otto miliardi di cuori di conversazione ogni anno.

17 fatti strani su san valentino - caramelline di san valentino
prodotti otto miliardi di cuori ogni anno.

Fatto strano su San Valentino Numero 11

I vittoriani diedero inizio alla tendenza di regalare fiori per San Valentino.

Le rose rosse come simbolo di romanticismo risalgono all’antica Roma: erano il mazzo di fiori preferito di Venere, la dea romana dell’amore (e madre di Cupido). Ma fu solo in epoca vittoriana, che gli uomini cominciarono davvero a regalare fiori alle donne che stavano corteggiando.

logo efiori
Vendita fiori online con consegna a domicilio

Fatto strano su San Valentino Numero 12

San Valentino è il giorno più impegnativo dell’anno per i fioristi. Si colloca addirittura primma del Natale e della Festa della Mamma. La maggior parte di quei fiori sono (hai indovinato) rose. Per San Valentino vengono coltivate circa 250 milioni di rose e più della metà sono rosse.

Coltivazione rose rosse
Coltivazione rose rosse

Fatto strano su San Valentino Numero 13

San Valentino non è più una festa religiosa.

Nel 1969, la festa fu rimossa dal calendario liturgico cristiano a causa di quanto poco si sapeva del santo patrono. Tuttavia San Valentino rimane il santo patrono dell’amore, dei fidanzati e dei matrimoni felici, così come degli apicoltori, dell’epilessia, degli svenimenti, dei saluti, dei viaggiatori e dei giovani. I devoti possono ancora festeggiare in senso secolare il giorno di San Valentino, a meno che il Mercoledì delle Ceneri non cada il 14 febbraio.


Fatto strano su San Valentino Numero 14

San Valentino è costoso, almeno se si seguono le statistiche pubblicate dalla National Retail Federation, che hanno rilevato che gli americani hanno spendono più di 23,9 miliardi di dollari durante le festività nel 2022. Gran parte di quel denaro è destinato ai gioielli (circa 6,2 miliardi di dollari!) e questo include un sacco di anelli di diamanti. Ben sei milioni di coppie si fidanzano il giorno di San Valentino.


Fatto strano su San Valentino Numero 15

La “X” ha davvero segnato il punto.

Vi siete mai chiesti come mai X e O siano arrivati ​​a significare baci e abbracci? Sembra che nel Medioevo, quando la maggior parte delle persone erano analfabete, i documenti fossero firmati con una semplice X. Si ritiene che questo simbolo rappresentasse Cristo sulla croce, che a sua volta significava fede e fedeltà. In segno di devozione, le persone baciavano la X e così, nel corso dei secoli, X si è evoluto in un bacio. Non si sa come O sia arrivata a significare un abbraccio, ma alcuni suppongono semplicemente perché, come X, era anche facile da scrivere.

17 fatti strani su san valentino Simbolo di Baci e Abbracci
Simbolo di Baci e Abbracci

Fatto strano su San Valentino Numero 16

San Valentino non è solo una festa romantica.

Se ti ritrovi senza dolce metà nel giorno più romantico dell’anno, non preoccuparti. Puoi sempre commemorarlo con il tuo amore a quattro zampe, come gli oltre 72 milioni di adulti americani che hanno acquistato regali di San Valentino per i loro cagnolini e gattini nel 2021. Ciò ammonta a un valore stimato di 2,14 miliardi di dollari di regali di San Valentino solo per gli animali domestici.

Puoi anche festeggiare con gli amici. Secondo la National Retail Federation, i regali per gli amici rappresentano il 7% della spesa di San Valentino. E a proposito di amicizia…


Fatto strano su San Valentino Numero 17

Il Galentine’s Day è una cosa reale.

Se il brunch con le tue migliori amiche è la tua parte preferita di San Valentino, potresti anche spostare i festeggiamenti al 13 febbraio per San Valentino. Questa nuova festività deve la sua esistenza a un episodio del 2010 della sitcom di successo televisiva, Parks and Recreation, ma è rapidamente diventata una tradizione a sé stante, completa di regali per il Galentine’s Day. Come dice Leslie Knope, “Dobbiamo ricordare cosa è importante nella vita: amici, waffle, lavoro. Oppure waffle, amici, lavoro. Non importa, ma il lavoro è il terzo.”


Fatto strano su San Valentino Numero 18

San Valentino non era solo una persona

Potresti già sapere che il giorno di San Valentino prende il nome dal suo santo patrono, San Valentino, ma in realtà c’è un po’ di confusione su quale San Valentino venga tecnicamente onorato dalla festa. Secondo History.com, ci sono almeno due uomini di nome Valentine che potrebbero aver ispirato la festa, incluso un Valentine che era un prete nella Roma del terzo secolo. Secondo la storia, questo Valentino sfidò il divieto di matrimonio dell’imperatore Claudio II (pensava che distraesse i giovani soldati), sposando illegalmente coppie nello spirito dell’amore finché non fu catturato e condannato a morte.

Un’altra leggenda suggerisce che Valentino sia stato ucciso per aver tentato di aiutare i cristiani a fuggire dalla prigione di Roma, e che in realtà abbia inviato lui stesso il primo messaggio di “San Valentino” mentre era in prigione, scrivendo una lettera firmata “Dal tuo Valentino”.


Fatto strano su San Valentino Numero 19

La tradizione di regalare fiori a San Valentino risale al XVII secolo.

Regalare rose rosse può essere un ovvio gesto romantico oggi, ma fu solo alla fine del XVII secolo che regalare fiori divenne un’usanza popolare. In effetti, la pratica può essere fatta risalire a quando il re Carlo II di Svezia imparò il “linguaggio dei fiori” – che accoppia fiori diversi con significati specifici – durante un viaggio in Persia, e successivamente introdusse la tradizione in Europa. L’atto di regalare fiori divenne poi una tendenza popolare durante l’era vittoriana, incluso il giorno di San Valentino, con le rose rosse che simboleggiavano l’amore profondo.


Fatto strano su San Valentino Numero 20

Sono stati creati opuscoli per aiutare le persone a scrivere San Valentino.

Se nel 19° secolo avevi bisogno di aiuto per trovare le parole giuste da inviare ai tuoi cari, potresti acquistare uno Scrittore di San Valentino. Gli opuscoli contenevano un testo di esempio che poteva essere utilizzato per esprimere il tuo amore.


Fatto strano su San Valentino Numero 20

Si spendono anche milioni di dollari in regali per i loro animali domestici.

Ehi, anche gli amici pelosi hanno bisogno di amore! Infatti, circa 27,6 milioni di famiglie americane hanno fatto regali di San Valentino ai loro cani da compagnia nel 2020 e più di 17,1 milioni hanno ritirato regali per i loro gatti. Nel complesso, le famiglie americane hanno speso circa 751,3 milioni di dollari in regali per i loro animali domestici nel giorno di San Valentino.


Fatto strano su San Valentino Numero 21

Il regalo di San Valentino su cui le persone spendono di più sono i fiori.

Fatto strano su San Valentino Numero 22

Quasi 6 milioni di coppie si fidanzano il giorno di San Valentino.

Voglio dire, quale giorno migliore c’è per una proposta di matrimonio se non un giorno letteralmente dedicato all’amore e al romanticismo? San Valentino è uno dei giorni più gettonati in cui porre la domanda, con ben 6 milioni di coppie che si fidanzano il 14 febbraio. E secondo i risultati di questo sondaggio, San Valentino è stato votato come il giorno migliore dell’anno da proporre rispetto a qualsiasi altro. giorno – e tra coloro che hanno votato, il 40% erano uomini!


Fatto strano su San Valentino Numero 23

Viene celebrato in modo diverso in tutto il mondo.

Molti paesi dell’America Latina conoscono la festa come el día de los enamorados (giorno degli innamorati) o día del amor y la amistad (giorno dell’amore e dell’amicizia). Anche se in questo giorno le coppie si scambiano fiori e cioccolato, l’obiettivo della festività è anche quello di mostrare gratitudine agli amici.

In Giappone, secondo Fortune, è consuetudine che solo le donne regalino dolci agli uomini della loro vita, e la qualità del cioccolato indica i loro veri sentimenti. Il 14 marzo, esattamente un mese dopo, gli uomini ricambiano il favore celebrando il sempre più popolare “White Day”.


Fatto strano su San Valentino Numero 24

William Shakespeare ha ispirato una tradizione.

Scrivere “lettere a Giulietta” è diventata per molti una tradizione di San Valentino e ha persino ispirato il film del 2010 Lettere a Giulietta. Intorno al giorno di San Valentino, migliaia di lettere vengono inviate a Verona, in Italia, indirizzate al personaggio di Romeo e Giulietta, Giulietta Capuleti. Queste lettere d’amore a Giulietta sono piene di emozione, passione e, in molti casi, crepacuore. I volontari, chiamati i segretari di Giulietta, leggono ogni lettera, scrivono le risposte e scelgono un vincitore del premio “Cara Giulietta” (che si traduce in “Cara Giulietta” in inglese). Il vincitore potrà visitare la casa di Giulietta a Verona e partecipare ad una cerimonia speciale.


Fatto strano su San Valentino Numero 25

Negli USA, quattro stati hanno una città chiamata Valentine

Arizona, Nebraska, Texas e Virginia hanno ciascuna città con lo stesso nome, sebbene Virginia aggiunga una “s” alla fine. A quanto pare, in Virginia e Texas, puoi ricevere timbri postali speciali per le festività presso l’ufficio postale, quanto è carino?