Indietro

Ibridazione delle rose

Come il fiore più iconico del mondo è stato creato nel corso dei secoli

Descriviamo il meticoloso processo di creazione di nuove cultivar di rose

Le rose sono le regine del mondo floreale e sono diventate un’espressione universale di vita e amore. La loro bellezza affascina i nostri cuori ed è stata oggetto di arte, letteratura e musica per millenni. Le squisite varietà che ammiriamo oggi sono il prodotto del continuo e meticoloso processo di ibridazione vegetale, una tecnica di allevamento in cui due genitori vengono incrociati artificialmente per creare una prole con le caratteristiche desiderate. Se vuoi regalare delle fantastiche rose visita eFiori, sito che si occupa della vendita e consegna di fiori online.

Rose rosse
Rose Rosse

Ibridazione precoce della rosa

Oggi esistono centocinquanta specie selvatiche di rose e l’incredibile cifra di 30.000 varietà coltivate. Tutte queste cultivar hanno avuto origine dall’incrocio e ri-incrocio di rose asiatiche con specie autoctone europee e americane nel corso di molti secoli, portando ad una storia lunga, affascinante e altamente complessa.

Gli orticoltori olandesi furono pionieri nel corso dei secoli XV e XVI della prima ibridazione sistematica di piante in Occidente incrociando specie selvatiche di rose che fioriscono solo una volta all’anno. Alla fine del 1600 allevarono e modificarono la rosa damascena, Rosa × damascena e la rosa cavolaia (Rosa × centifolia). La ricerca moderna rivela che nel DNA della Rosa × centifolia sono evidenti almeno quattro specie di rose selvatiche. Solo circa 12 rose selvatiche furono usate come genitori in quei primi incroci, che diedero origine a meno di 100 nuove varietà prima del 1800. (Oggi, la maggior parte dei coltivatori di rose si trova ancora in Olanda).

Nel 1700 e 1800, furono introdotte in Europa due rose a fioritura ripetuta, la rosa cinese (Rosa chinensis) e la rosa selvatica del tè Manipur (Rosa gigantea). Queste rose venivano coltivate in Cina fin dai tempi antichi e i botanici europei erano entusiasti di avere rose che fiorivano dalla primavera all’autunno. Incrociarono le due piante e gli ibridi risultanti, noti per la loro dolce fragranza, furono chiamati “rose di tè” per l’aroma del tè cinese.

Semi Rose
Semi Rose

L’inizio del XIX secolo vide lo sbocciare dell’ibridazione delle rose francesi, motivata da Joséphine de Beauharnais, moglie di Napoleone Bonaparte. Si innamorò delle rose e ebbe i mezzi per popolare i suoi giardini al castello di Malmaison con 250 delle rose riconosciute dell’epoca portate da coltivatori di tutta Europa. Ha impiegato l’artista Pierre-Joseph Redouté per dipingere e registrare i fiori. Il suo libro pubblicato “Les Roses” ha ispirato l’interesse francese per la selezione delle rose ed è ancora oggi considerato un riferimento accurato.

Jacques-Louis Descemet, famoso giardiniere francese, rese popolare la Rosa gallica, la rosa francese o gallica, che divenne la madre di future ibridazioni. Nella seconda metà del 19° secolo, le rose damascate furono incrociate con altre specie di rose per creare “perpetui ibridi” e con rose di tè per produrre “tè ibridi”, le rose più comunemente vendute nei negozi di fiori di tutto il mondo.

Una data cruciale nell’ibridazione delle rose è il 1867. Quell’anno, il rosario Jean-Baptiste André Guillot creò la prima rosa tea ibrida, “La France”, una svolta che inaugurò l’inizio delle rose moderne. Tutte le rose sviluppate prima del 1867 sono considerate rose da giardino antico, che in genere sono molto resistenti, resistenti alle malattie, profumate e fioriscono una volta all’anno. Le rose moderne, invece, fioriscono dalla primavera all’autunno, hanno fiori più grandi e una vita in vaso più lunga, solitamente non sono profumate e sono meno resistenti alle malattie.

12x Rose Bianche

Nel 1900, i coltivatori avevano creato circa 8.000 nuove varietà di rose. Da allora, attraverso l’ibridazione sono state create migliaia di nuove cultivar di rose con caratteristiche uniche.

L’ibridazione delle rose oggi

L’ibridazione delle rose continua ad evolversi, con la commercializzazione dell’industria dei fiori che influenza la pratica. Le caratteristiche più ricercate che gli allevatori cercano nelle rose oggigiorno, secondo un fornitore di rose 1-800-Flowers.com, sono colori unici, dimensioni dei fiori più grandi con un numero elevato di petali e una lunga durata in vaso. Un sottoprodotto di ciò è la mancanza di fragranza delle rose ibride vendute in commercio. Questo perché i fiori che compongono quel delizioso bouquet sul bancone della cucina contengono gas etilene, che accelera la maturazione e la decomposizione dei fiori.


Gli allevatori stanno ancora sviluppando più tipi di rose. Ad esempio, le rose polyantha, piante nane molto resistenti che fioriscono ripetutamente e producono grappoli di piccoli fiori, provengono dall’incrocio di rose selvatiche, come Rosa multiflora e Rosa chinensis. Le rose Floribunda sono un incrocio tra polyantha e tè ibridi che crescono in densi grappoli e fioriscono dalla primavera all’autunno. Le rose Grandiflora, i cui fiori dal centro alto sbocciano ripetutamente e crescono su piante alte e resistenti, sono un incrocio abbastanza nuovo tra tè ibridi e floribunda. Le rose in miniatura sono versioni minuscole di piante a grandezza naturale e gli allevatori hanno anche sviluppato molte varietà di rose rampicanti e ad arbusto.

Anche le rose da giardino antiche stanno guadagnando popolarità. Tuttavia, sono più difficili e costosi da produrre e hanno un vaso e una durata di spedizione più brevi, il che li limita a mercati di nicchia.

I meccanismi dell’ibridazione delle rose

Gli allevatori seguono un processo meticoloso per creare nuovi fiori da genitori selezionati a mano. Lavorano per allevare rose con qualità distintive, come colore, forma del bocciolo e del fiore, numero di petali, fioritura ripetuta, resistenza ai parassiti e alle malattie e robustezza. I genetisti studiano in dettaglio le possibili piante madri per scegliere la Rosa A, il genitore del polline, e la Rosa B, il genitore del seme, che possiedono i tratti sperati nell’ibrido risultante.

Innanzitutto, il polline viene raccolto dalla rosa A tagliando gli stami (strutture maschili) da un fiore fresco e sano, lasciandoli asciugare leggermente e rilasciando il polline. Anche gli stami vengono tagliati dal fiore della Rosa B in modo che rimangano solo i pistilli (strutture femminili). Il polline viene poi spennellato sui pistilli in modo da fecondare gli ovuli e formare i semi. Per verificare i risultati sperati dell’incrocio, gli allevatori proveranno anche l’impollinazione opposta raccogliendo il polline della rosa B e spennellandolo sui pistilli della rosa A.


I semi si formeranno nei “cannoni” della rosa e, una volta maturi, verranno raccolti e piantati in un ambiente fertile. Man mano che le piantine raggiungono dimensioni considerevoli, vengono indurite e piantate nel terreno per maturare, fiorire e mostrare le caratteristiche espresse. Gli allevatori devono tenere un registro accurato del polline, degli stimmi, della rosa canina, dei semi, delle piantine e delle talee di entrambi i genitori, insieme alle date e alle informazioni culturali e meteorologiche. Tutti questi devono essere etichettati con precisione in modo che la procedura possa essere ripetuta esattamente, spesso migliaia di volte per quattro o cinque anni, per ottenere i risultati desiderati.

Gli allevatori scelgono quindi le migliori singole piante di rose da questo incrocio con le qualità che stanno cercando e le propagano vegetativamente con talee per preservarne le caratteristiche. Le piante di queste talee vengono distribuite e vendute in tutto il mondo.


logo efiori
Vendita e consegna fiori online