Indietro

Psicologia del dare e l’importanza dei regali consapevoli

Psicologia del dare e l’importanza dei doni consapevoli

Inutile dire che facciamo regali per dimostrare che teniamo alla persona cui doniamo qualcosa. Ma è altrettanto vero che il dono serve pienamente a questo scopo solo se piace all’altra persona, cosa che accadrà solo se lo trovano significativo.

Quindi, per esempio, anche se ami il francese, non dare a qualcuno un libro di poesie francesi in lingua originale, se non leggono il francese.

psicologia del dare - comprensione

I regali che mostrano al meglio il tuo affetto fanno capire al destinatario che sai chi è, e che gli fai quel certo regalo perché è veramente adatto a lui. Ecco perché avere una segretaria che invia regali per te non è generalmente una cosa positiva, perché lei non conosce davvero chi sono i tuoi destinatari.

La chiave per fare un buon regalo è sapere esattamente perché stai presentando quel particolare regalo a quella specifica persona, idealmente in modo che anche loro sappiano e apprezzino perché l’hai scelto, ma c’è un ma… è dimostrato che i fiori sono quasi sempre graditi, è molto difficile che una persona non gradisca la sorpresa di colori e profumi inaspettati ed ecco perchè sono fra i doni più economici e di sicuro effetto.

regalo- mazzi di fiori rose.

Gli ormoni della felicità nella psicologia del dare

Quando il dono opera questa doppia magia, può innescare un flusso di ormoni della felicità, come l’ondata prodotta dal parto.

Un’enorme quantità di attività ormonale continua, sia quando diamo che quando riceviamo.

La risposta iniziale nel destinatario del regalo è un’ondata di dopamina, il nostro neuro-trasmettitore della felicità. Aumenta anche nei donatori, quando vedono la risposta felice dopo il loro dono, e sentono che il loro regalo è stato un successo. Ciò è particolarmente vero se sei lì, pienamente parte dell’esperienza, quando il destinatario apre il regalo.

Anche il neuro-trasmettitore serotonina, che ci aiuta a sentirci in contatto con gli altri, aumenta, così come l’ossitocina, il neuro-trasmettitore che notoriamente crea attaccamento e intimità tra genitori e neonati. Per loro, il tocco fisico gioca un ruolo importante nell’innescare l’ossitocina, ma nel donatore è più un senso metaforico di “essere accarezzati” grazie a un regalo premuroso.

Quando questo neurotrasmettitore viene rilasciato, ci apre e ci rende più disposti a condividere un legame con qualcuno. E’ quindi scientificamente provato che la psicologia del dare fa bene sia a chi riceve che a chi dona.

Gli esseri umani sono animali sociali e, per milioni di anni, abbiamo fatto affidamento sulle connessioni reciproche per sopravvivere e prosperare. Un’enorme quantità del nostro cervello è dedicata a queste connessioni. La psicologia del dare, gioca un ruolo fondamentale. Quando tutti questi neuro-trasmettitori davvero importanti vengono rilasciati, i donatori e i riceventi si sentono connessi insieme.

La psicologia del dare rafforzara i legami

In effetti, un regalo particolarmente premuroso può creare un legame più o meno permanente tra due persone. Tuttavia, un dono inappropriato può avere l’effetto opposto. Il ruolo del dono è piuttosto significativo nello stabilire la vicinanza interpersonale. I regali adeguati e ben accolti possono affermare e rafforzare la relazione, mentre un regalo inappropriato può indebolirla. Nella peggiore delle ipotesi, può persino contribuire a far troncare la relazione.

La personalizzazione è un fattore chiave del successo di un regalo; il dono più costoso e spettacolare non è certo sempre la risposta, se non è adatto alla persona a cui teniamo. Ovviamente, un regalo che sembra troppo piccolo o insignificante può far sentire qualcuno non apprezzato e risentito, ma se è troppo per lo stato della relazione, può apparire fuori luogo, prendiamo ad esempio un compleanno, non vuoi sbagliare, scegli i fiori!

fiori buon compleanno amica

Una ricerca degli studiosi ha anche scoperto alcune verità sorprendenti, confrontando regali di alta qualità con regali pratici e convenienti. Ricerche passate hanno scoperto che i donatori, in genere, preferivano la qualità alla convenienza; tuttavia, i destinatari premiano davvero di più la comodità.

I donatori tendono a concentrarsi sul «fattore wow», l’eccitazione di aprire un regalo di alta qualità. Ma spesso non è la cosa principale che il destinatario sta cercando. Il più delle volte è la praticità d’uso. Ad esempio, quando ricevi una carta regalo per un ristorante con una valutazione moderata, ma a soli 5-15 minuti da casa tua, questo ti fa sentire più grato, più amato e più in sintonia con il donatore, che se ricevessi una carta regalo per un ristorante a cinque stelle a un’ora di distanza da te.

Ciò può mostrare al destinatario che il donatore conosce e apprezza la sua situazione: forse ha due bambini piccoli e fare un lungo viaggio in auto con i bimbi in un ristorante elegante è difficilmente praticabile, mentre un breve viaggio in un semplice ristorante nelle vicinanze, dove i bambini possono essere loro stessi e, magari, giocare, è molto più pratico e soddisfacente.

I dati mostrano che la psicologia del dare è particolarmente funzionante quando il donatore è in grado di comunicare perché ha scelto il regalo che ha fatto: qualcosa del tipo «Spero che questo regalo ti piaccia davvero, perché ci ho pensato e volevo farti qualcosa che fosse comodo e facile per te e i bambini».

Non vergognarti mai di spiegare perché hai ricevuto il regalo che hai fatto; mostra solo che ci hai pensato in maniera particolare, in base a chi è il tuo destinatario e a qual è la sua situazione di vita.

Andare oltre l’obbligo

Naturalmente, tutti noi abbiamo situazioni in cui potremmo sentirci obbligati a fare un regalo a qualcuno, ad esempio quando veniamo chiamati il ​​«Babbo Natale segreto» per qualcuno che lavora in un ufficio. Ma la premura è ancora la chiave. Altrimenti sprechi un’occasione, perché un dono superficiale che non ha alcun pensiero gioioso e personalizzato dietro non stabilisce un vero legame; potrebbe anzi metterlo a dura prova.

Quindi, se non conosci bene il destinatario, chiedi a qualcuno in ufficio quali siano i suoi interessi.

Quando facciamo regali perché sentiamo un obbligo, ci sottraiamo enormemente alla felicità del dare. Ci imbrogliamo quando lo facciamo e accumuliamo risentimenti. Invece, dobbiamo tenere a mente che dare è un atto di gentilezza; è un’opportunità per me di fare qualcosa di carino per te.

pscicologia del dare

Regali per una società migliore

Il dono svolge un ruolo chiave nella società attraverso il fenomeno di quello che in inglese, notoriamente, viene chiamato «pay it forward», ossia «ricambia il favore». Quando qualcuno riceve un regalo premuroso, è più probabile che faccia altrettanto a qualcun altro e così via. Alla fine, molte persone potrebbero trovarsi più felici grazie alla cura e alla gentilezza di una persona.

In una città del Messico chiamata Puerto Vallarta, tutti quelli che incontri sorridono e dicono buongiorno, buon pomeriggio e ti chiedono come stai. Sembrano tutti felici e legati tra loro, e questo ti fa sentire meglio in ogni tuo gesto. Tu vai al negozio e sei più gentile con il venditore, e lui, a sua volta, è più gentile con la prossima persona che entrerà da lui. La psicologia del dare ha quell’effetto sulle persone. Quando dai a chi ti circonda il dono di te stesso, i buoni sentimenti si diffondono ed è questo il fine ultimo della psicologia del dare. I regali sono un elemento fondamentale nello sviluppo del gruppo.

Immaginiamo… Ti faccio un regalo e diventiamo amici. Tu fai un regalo a qualcun altro e diventi amico. Poi divento amico di quella persona attraverso di te, ci scambiamo regali e così via, e si crea un gruppo più ampio entro cui siamo tutti collegati e lavoriamo insieme per fare cose positive.

Sappiamo che la socializzazione, avere un gruppo di amici, è la medicina migliore nel trattare l’ansia e la depressione. E il regalo è una delle vie di socializzazione più veloci che ci siano.

Se sei appassionato del mondo dei fiori, o semplicemente curioso, non perderti questi due articoli e visita il blog di efiori o il nostro forum di giardinaggio:

I fiori più profumati al mondo

I fiori più belli del mondo

60 curiosità sui fiori

logo efiori