Indietro

Le piante hanno “sentimenti”? Ecco cosa dice la Scienza

La risposta è SI, le piante hanno dei “sentimenti”, ma ora la domanda è: quanto è complesso?

Le piante hanno sentimenti. Una delle principali distinzioni tra piante e animali è il modo in cui rispondono agli stimoli. Gli esseri umani hanno un cervello, dove vengono compresi gli stimoli e si formano le risposte.

Le risposte “emotive” sono semplicemente risposte complesse a stimoli sociali complessi.

Le piante non hanno un sistema nervoso centrale ma sono comunque in grado di elaborare informazioni provenienti da fonti esterne e di rispondere ad esse. Anche se le piante non provano gli stessi “sentimenti” che abbiamo noi, spesso ricordano gli stimoli e comunicano con le altre piante riguardo a loro.

Le piante "sentono"
Le piante “sentono” – tocca delle foglie di Mimosa Pudica e lei le chiuderà.

“Sentimenti” delle piante a confronto con quelli animali

Gli animali hanno neuroni che trasmettono sensazioni sensoriali ad un sistema nervoso centrale (il cervello). Negli esseri umani, se il cervello determina che quei sentimenti sono negativi e pericolosi, invia un messaggio al loro punto di origine, inducendoti a reagire per evitare la continuazione di quel dolore.

reazione al dolore

Gli animali, come noi, hanno ricordi che ci permettono di evitare dolori futuri. I ricordi di infortuni precedenti stimolano i nostri corpi a produrre adrenalina quando ritorna il ricordo di quell’evento.

Senza un sistema nervoso centrale, le piante non elaborano le sensazioni in questo modo. Ma le piante reagiscono alle sensazioni negative o spiacevoli. Tocca le foglie della pianta sensibile, giustamente chiamata, Mimosa pudica, e le chiuderà. Pota un arbusto e l’arbusto produrrà un callo attorno alla ferita e probabilmente stimolerà una nuova crescita sotto il taglio.

Callo di reazione alla potatura di un ramo.
Callo di reazione alla potatura di un ramo.

Le piante conservano i ricordi di questi eventi, non in un cervello centralizzato, ma distribuiti in tutta la pianta, più vicino a dove è necessaria la memoria. Questa non è semplicemente una risposta biofisica agli stimoli. Tocca ripetutamente le foglie di una pianta sensibile e la pianta non chiuderà più le foglie. Ha appreso che la sensazione non è una minaccia e manterrà tale consapevolezza fino a 40 giorni.

Allo stesso modo, le piante da fiore perenni ricordano quando ricominciare a crescere in primavera. La fioritura prima che gli impollinatori siano riemersi dall’inverno sarà improduttiva. Fiorire mentre fa ancora troppo freddo potrebbe causare lesioni, persino la morte. Tante piante producono proteine ​​che permettono loro di ricordare quanti giorni sono trascorsi dall’ultima volta che sono state esposte al freddo, e iniziano a crescere solo quando lo ritengono sicuro.

Gemme pronte ad aprirsi
Gemme pronte ad aprirsi

Comunicazione fra le diverse speci

Una delle relazioni interspecie più importanti e frequenti sulla Terra è l’associazione tra funghi e radici delle piante, una relazione comune a circa il 90% delle specie vegetali.

Attraverso queste reti, le piante comunicano con funghi e altre piante, trasferendo sostanze nutritive e inviando segnali di stress. Le piante condividono importanti sostanze chimiche come azoto, carbonio e fosforo attraverso le reti fungine.

Micorizze, funghi e piante
Micorizze, funghi e piante

Piante di aloe, pomodori e altre piante si comunicano a vicenda con segnali elettrici inoltre, l’equivalente vegetale della comunicazione elettronica, per indurre la crescita delle piante e migliorare la guarigione delle ferite, tra le altre ragioni. Questa vasta rete neurale sotterranea fa vergognare Internet

Le piante segnalano lo stress anche chimicamente attraverso le foglie. Quando un erbivoro sgranocchia una pianta di artemisia o un albero di acacia, la pianta emette tossine non solo per allontanare chi rosicchia ma per segnalare alle piante vicine, che iniziano a loro volta a emettere tossine.

Giraffa che si nutre di fogliame
Giraffa che si nutre di fogliame

Le piante si ascoltano a vicenda

Come molti animali, anche alcune piante comunicano usando il suono. Il suono non è altro che vibrazioni nelle onde radio, qualcosa che le cellule vegetali possono evolvere per produrre e le fibre vegetali per rilevare.

Studi recenti sulla comunicazione delle piante mostrano che alcune piante emettono onde sonore ad alta frequenza. Le piante di pomodoro e tabacco producono suoni durante i periodi di siccità o quando le loro foglie vengono tagliate.

Le piante possono anche essere buone ascoltatrici. Le piante di pisello dirigono le loro radici verso il suono dell’acqua in movimento, anche se il suono viene registrato e in realtà non è presente acqua.

E i fiori della primula producono un nettare più dolce quando esposti al suono (artificiale o naturale) del ronzio delle api.

pianta cerca l'impollinatore

La maggior parte della vita di una pianta è vissuta sottoterra. È qui che le piante pensano, in una rete decentralizzata di cellule sensoriali e di memoria: un sistema nervoso che potrebbe contenere oltre un trilione di cellule, più o meno la stessa quantità di un cervello umano.

radici pianta

Gli esseri umani apprezzano le piante principalmente per i loro organi riproduttivi: i loro fiori, frutti e semi, piuttosto che le loro parti pensanti e sensibili, ma come noi, usano entrambi per sopravvivere.

Se ti va qui trovi altri 60 curiosità sui fiori che (forse) non sapevi!

logo efiori
Vendita e consegna fiori online