Indietro

Quando si festeggia il Natale in Italia e nel resto del mondo?

Quando si festeggia il Natale?

Molte persone pensano che Natale cada il 25 dicembre e questo è tutto quello che c’è da sapere sul Natale. Tuttavia, per molte persone in tutto il mondo, in diversi paesi e in diverse tradizioni cristiane, il Natale dura molto più a lungo – e viene persino celebrato in momenti diversi! Dai un occhio alla nostra collezione di fiori e regali per Natale.

quando si festeggia il natale
quando si festeggia il natale

Il nome “Natale” deriva dalla Messa di Cristo (o Gesù). Un servizio di Messa (a volte chiamato Comunione o Eucaristia) è il luogo in cui i cristiani ricordano che Gesù morì e poi tornò in vita. La messa della “Messa di Cristo” era l’unica che poteva svolgersi dopo il tramonto (e prima dell’alba del giorno successivo), quindi la gente la celebrava a mezzanotte! Da qui il nome Christ-Mass, abbreviato in Natale.

Natività di Cristo
Natività di Cristo

Quando si festeggia il Natale

Sebbene il 25 dicembre (o il tardo pomeriggio/sera del 24 dicembre) sia la data in cui la maggior parte delle persone festeggia il Natale, ci sono anche altre date!

Alcune chiese (principalmente chiese ortodosse e copte ortodosse) utilizzano un calendario diverso per le loro celebrazioni religiose. Le Chiese ortodosse in Russia, Bielorussia, Serbia, Gerusalemme e altri paesi usano il vecchio calendario “giuliano” e le persone in quelle chiese celebrano il Natale il 7 gennaio. La Chiesa copta ortodossa celebra il Natale il 7 gennaio. Anche la Chiesa ortodossa etiope di Tewahedo celebra il Natale il 7 gennaio (che è il 29 di Tahsas nel loro calendario).

natale chiesa ortodossa
natale chiesa ortodossa

La maggior parte delle persone nella Chiesa greco-ortodossa celebra il Natale il 25 dicembre. Ma alcuni usano ancora il calendario giuliano e quindi festeggiano il Natale il 7 gennaio! Anche alcuni greco-cattolici festeggiano il 7 gennaio.


Nel 2023, la legge sull’Ucraina è stata modificata, quindi il Natale verrà celebrato il 25 dicembre anziché il 7 gennaio.

La Chiesa Apostolica Armena celebra il Natale il 6 gennaio. In questo giorno si festeggia anche l’Epifania.

Avvento: il tempo prima di Natale

Un calendario dell’avvento per l’albero di Natale

Prima di Natale, molti cristiani sfruttano il tempo dell’Avvento per prepararsi e prepararsi a celebrare la gioia del Natale, quando i cristiani celebrano la nascita di Gesù, che credono sia il Figlio di Dio.

L’Avvento è normalmente un periodo di quattro domeniche e settimane prima di Natale. In molte Chiese ortodosse e cattoliche orientali l’Avvento dura 40 giorni, a partire dal 15 novembre.

Nelle Chiese ortodosse che celebrano il Natale il 7 gennaio, l’Avvento inizia il 28 novembre!

Durante l’Avvento molte persone digiunano (non mangiano certi cibi). Il tipo di cibo a cui le persone rinunciano dipende dalla tradizione della loro chiesa e da dove vivono nel mondo.

Dopo Natale – I 12 giorni di Natale e dell’Epifania

Disegno di una pernice su un pero

Dopo l’Avvento, tradizionalmente, le celebrazioni natalizie (e spesso una festa!) iniziavano il giorno di Natale e duravano 12 giorni, quindi erano conosciuti come i 12 giorni di Natale! I festeggiamenti terminavano la sera del 5 gennaio, meglio conosciuta come la Dodicesima Notte.

Nel corso della storia, i 12 giorni di Natale sono stati un momento di festa e divertimento.

Dopo la dodicesima notte, il 6 gennaio, c’è l’Epifania, quando le persone ricordano i Re Magi (a volte chiamati anche i Tre Re) che visitarono Gesù quando era bambino; e il Battesimo di Gesù quando era adulto.

L’Epifania/Dodicesima Notte è anche il momento in cui era tradizione togliere le decorazioni natalizie, anche se alcune persone le lasciano lì fino alla Candelora.

Potresti pensare che il Natale finisca quando togli le decorazioni natalizie, ma non è così! Dopo il Natale e il periodo dell’Epifania, la fine delle celebrazioni natalizie arriva il 2 febbraio, 40 giorni dopo Natale, con la Candelora.

La Candelora, conosciuta anche come la ‘Presentazione di Gesù al Tempio’ o la ‘Festa della Purificazione della Vergine (o Maria)’ è la festa in cui alcuni cristiani ricordano il momento in cui Maria e Giuseppe portarono il bambino Gesù al Tempio ebraico nel Gerusalemme per rendere grazie a Dio per aver dato loro un figlio.

È un giorno molto importante in alcune chiese ortodosse e cattoliche.

Il nome Candelora deriva da “Messa delle candele” perché in molti servizi della Candelora, le candele vengono benedette per essere utilizzate nelle chiese durante il prossimo anno o vengono distribuite alle persone affinché le utilizzino nelle loro case e nelle preghiere private.

In molte chiese cattoliche, è un momento in cui le persone ricordano e rinnovano le promesse fatte alla chiesa e celebrano alcune delle profezie date su Gesù.


In molte chiese orientali/ortodosse, la notte prima della cerimonia di benedizione delle candele si tiene una veglia notturna. Al mattino le candele vengono benedette e distribuite alla gente.

Durante il periodo elisabettiano, era comune lasciare le decorazioni fino alla Candelora e alcune persone lo fanno ancora oggi!

logo efiori
Vendita e consegna fiori online