Indietro

Statistiche e tendenze del settore floreale

45 Statistiche e tendenze del settore floreale nel mondo

L’industria floreale globale iniziò alla fine del XIX secolo a diventare uno dei settori di alto livello sia nel mondo sviluppato che in quello in via di sviluppo. Vaste tenute coltivarono inizialmente fiori per la rivendita nel Regno Unito per stabilire la floricoltura come un valido mezzo di profitto, che poi si espanse nel resto del mondo.

Fiorista d'epoca
Fiorista d’epoca

Nel 1994, l’industria raggiunse i suoi primi 100 miliardi di dollari l’anno. Da allora, tuttavia, i fioristi hanno lottato per mantenere ciò che hanno guadagnato. Il volume del commercio globale di prodotti floreali nel 2003 è stato di poco superiore a 101 miliardi di dollari.

A causa della fragilità del prodotto, la maggior parte delle aziende del settore floreale si rivolgeva ai consumatori più vicini alle aree urbane più grandi della loro regione. La Germania detiene oggi la quota maggiore del mercato con il 22%, seguita dagli Stati Uniti al 15%, dalla Francia al 10% e dal Regno Unito al 10%.

Sebbene i Paesi Bassi rappresentino solo il 9% dell’industria floreale globale, Aalsmeer è il mercato dei fiori più grande del mondo. Ogni anno vengono alle aste più di 8 miliardi di fiori che vanno ad integrare i ricavi guadagnati.

Mercato di alsmeer (Olanda)
Mercato di Aalsmeer (Olanda)

Importanti statistiche sull’industria floreale mondiale


#1. Le vendite di articoli per la floricoltura in tutti i punti vendita al dettaglio negli Stati Uniti hanno raggiunto un totale di 30,8 miliardi di dollari nel 2016. È stato il primo anno in cui il settore è stato in grado di riprendersi dalle perdite subite durante gli anni di recessione del 2008 e del 2009. (U.S. Bureau of Economic Analysis )


#2. Nel 2016 gli americani hanno speso in media 95,14 dollari in fiori, piante in vaso e semi. Si tratta di una cifra pro capite superiore di oltre 13 dollari rispetto alle cifre di spesa del 2012. (Ufficio di analisi economica degli Stati Uniti)


#3. Negli Stati Uniti operano attualmente circa 13.000 negozi di fiori. Ogni sede guadagna in media 322.000 dollari di entrate ogni anno. (Ufficio di analisi economica degli Stati Uniti)


#4. Attualmente negli Stati Uniti operano 503 grossisti di fiori, insieme a quasi 6.000 coltivatori di floricoltura nazionali. (Ufficio di analisi economica degli Stati Uniti)


#5. Il 64% dei fiori freschi venduti negli Stati Uniti, misurati in valore, provengono dal mercato di importazione. Il 78% delle vendite proviene da prodotti spediti dalla Colombia, seguito dal 15% dall’Ecuador. Il Messico si colloca al terzo posto, con il 2% del mercato di importazione statunitense. (Ufficio di analisi economica degli Stati Uniti)


#6. Il 76% dei fiori coltivati ​​a livello nazionale venduti negli Stati Uniti provengono dalla California. Lo Stato di Washington contribuisce per il 6% al mercato, mentre il New Jersey e l’Oregon offrono rispettivamente il 4%. (Ufficio di analisi economica degli Stati Uniti)


#7. I ricavi nel settore dei fiori raggiungono circa 8 miliardi di dollari all’anno se si misurano solo i fiori recisi. Circa 95.000 persone hanno opportunità di lavoro dirette grazie al settore floreale.


#8. Il 60% delle imprese operanti nel settore floreale negli Stati Uniti ha un unico titolare senza dipendenti. Un altro 27% delle aziende in questo ambito impiega meno di 5 persone. (Mondo IBIS)


#9. Le prospettive di lavoro per i fioristi negli Stati Uniti potrebbero diminuire del 9% nel prossimo decennio. La distribuzione del lavoro potrebbe diminuire del 29% o più nei negozi, ma si registra un aumento dell’8% nell’occupazione nei negozi di alimentari. I supermercati impiegano circa 6.200 lavoratori nel settore floreale. (Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti)


#10. Il 38% dei fioristi in Canada sono classificati come non datori di lavoro o hanno uno status indeterminato. Quasi il 70% dei negozi ha da 1 a 4 dipendenti e quasi tutti hanno 9 o meno dipendenti. (Statistiche canadesi)


#11. I fioristi in Canada generano entrate per 750 milioni di dollari ogni anno, con un’azienda media che guadagna circa 260.000 dollari. Oltre il 65% delle aziende che attualmente operano in questo ambito sono classificate come redditizie. (Statistiche canadesi)


#12. Le aziende australiane che lavorano nel settore dei fiori hanno registrato una crescita occupazionale del 58% dal 2011, ovvero cinque volte superiore alla media del settore nazionale. Esiste anche una previsione decennale di crescita del 21%. (Dipartimento australiano del lavoro e delle piccole imprese)


#13. L’età media di un fiorista in Australia è di 44 anni, con il 97% dei posti di lavoro occupati da donne. Più di 8.100 persone lavorano attualmente nel settore, con la maggior parte delle opportunità di lavoro classificate come part-time. Solo 1 lavoratore su 3 ha un lavoro a tempo pieno. (Dipartimento australiano del lavoro e delle piccole imprese)


#14. Nel Regno Unito, circa 1 azienda su 8 del settore floreale ha chiuso negli ultimi 12 mesi. C’è uno spostamento verso la vendita al dettaglio online e le vendite nei supermercati nel Regno Unito, proprio come avviene negli Stati Uniti. (Società dei fioristi americani)


#15. Il 16% dei lavoratori impiegati nel settore floreale del Regno Unito ha 55 anni o più. Il 23% della forza lavoro ha meno di 25 anni. (IBIS World)


#16. Le donne gestiscono il 91% delle attività floreali che operano nel Regno Unito. (Mondo IBIS)


#17. Il valore attuale dell’industria floreale nel Regno Unito è stimato a 1,5 miliardi di dollari, anche se il settore registra un calo medio del 6% all’anno dal 2011. (IBIS World)


#18. Il 77% degli acquisti di fiori riguarda un’occasione o un motivo specifico. Compleanni (12%) e anniversari (12%) sono gli eventi primari che ispirano un acquisto floreale. Sono seguiti da regali di apprezzamento (6%), decorazioni per la casa (5%) e romanticismo (4%). (Società dei fioristi americani)

Solo il 4% degli acquisti floreali riguarda il romanticismo.
Solo il 4% degli acquisti floreali riguarda il romanticismo.

#19. Solo il 34% degli acquisti nel settore floreale statunitense riguarda fiori freschi. Le aiuole da esterno e le piante da giardino rappresentano il 46% dei ricavi realizzati. Le piante da fiore forniscono il resto delle vendite. (Società dei fioristi americani)


#20. Le donne rappresentano il 79% delle vendite realizzate ogni anno dall’industria floreale globale. Se si considerano i fiori freschi come un segmento indipendente, la percentuale scende al 65%. (Società dei fioristi americani)


#21. Il 63% degli acquisti floreali è destinato ad uso personale, ma solo 1 acquisto su 3 di fiori freschi è per se stessi. (Società dei fioristi americani)


#22. Il 92% delle donne afferma che il motivo migliore per ricevere fiori è “solo perché”. (Società dei fioristi americani)


#23. Il 69% delle persone prevede di acquistare fiori per la festa della mamma ogni anno, ma nel 2017 solo il 35% delle persone ha mantenuto le proprie intenzioni. (Federazione Nazionale Commercio al dettaglio)

fiori per la festa della mamma
Il 69% dichiara che comprerà fiori per la festa della mamma

#24. Il 30% delle transazioni che avvengono nel settore floreale globale avviene durante il giorno di San Valentino, rappresentando il 28% del volume in dollari registrato durante tutte le festività. Solo il Natale è il momento più popolare per l’acquisto di fiori (29%), mentre la Festa della Mamma è al terzo posto (24%). (Società dei fioristi americani)

significato rose rosse
Il 30% dichiara che comprerà fiori a San Valentino

#25. L’88% dei regali floreali offerti per la Festa della Mamma riguardavano fiori freschi. Il 44% ha offerto piante d’appartamento, mentre il 32% ha regalato piante verdi. Non era raro che le madri ricevessero più di un regalo legato ai fiori. (Società dei fioristi americani)


#26. Il 73% degli americani afferma di apprezzare molto i fiori, con la generazione Y in testa con il 76%. Il 40% delle persone che hanno acquistato fiori da un fiorista locale afferma di averli aiutati durante una relazione passata o attuale. (Società dei fioristi americani)


#27. Il 77% degli americani afferma che le persone che regalano fiori vengono percepite come premurose. Il 60% afferma che un regalo floreale ha un significato speciale, impossibile da replicare con altri regali. (Società dei fioristi americani)


#28. Il 69% degli americani ritiene che l’odore o la vista dei fiori freschi migliorerà il proprio umore generale. (Società dei fioristi americani)


#29. L’88% degli americani afferma che regalare fiori li rende felici, mentre l’80% afferma che riceverli li fa sentire allo stesso modo. (Società dei fioristi americani)

Regalare e ricevere fiori rende felici
Regalare e ricevere fiori rende felici

#30. L’89% delle persone ricorda la volta in cui qualcuno ha regalato loro dei fiori, mentre il 77% delle donne ricorda specificamente l’ultimo episodio in cui hanno ricevuto dei fiori. (Società dei fioristi americani)


#31. Il 45% dei fiori gestiti dall’industria floreale muore prima di essere venduto. (Società dei fioristi americani)


#32. Nonostante si preferisca regalare fiori in occasione delle festività, poiché compleanni e anniversari sono i motivi principali per regalare regali floreali, oltre il 50% delle vendite avviene in eventi fuori calendario. (Società dei fioristi americani)


#33. Il 49% dei negozi di alimentari e dei supermercati a servizio completo offre qualche tipo di servizio floreale. Anche il 26% dei negozi self-service e il 23% dei negozi a servizio limitato forniscono l’accesso. (Associazione per il marketing dei prodotti)


#34. La paga media di un fiorista americano impiegato in un supermercato nel 2015 era di 11,35 dollari l’ora. (Scala salariale)


#35. I clienti spendono in media 12,55 dollari per transazioni floreali, che rappresentano circa l’1,5% delle vendite totali dei negozi nelle aziende che implementano il mercato di massa. (Associazione per il marketing dei prodotti)


#36. Supermercati e negozi di alimentari dedicano in media 58 metri quadrati alle loro attività di vendita di fiori. (Associazione per il marketing dei prodotti)


#37. Le vendite totali per negozio di alimentari o supermercato nel segmento dei fiori sono state pari a 223.000 dollari nel 2015, con un aumento del 5,6% rispetto all’anno precedente. Il margine lordo è stato del 44%, con il costo del lavoro che rappresenta il 18% della vendita totale. (Associazione per il marketing dei prodotti)


#38. Il 68% dei consumatori afferma di effettuare transazioni nei supermercati specifiche per il settore floreale. Il 42% degli acquirenti ammette di acquistare fiori spinti da un impulso. Il 31% delle vendite riguarda le occasioni festive. I matrimoni rappresentano solo il 4% delle transazioni nei negozi di alimentari negli Stati Uniti. (Associazione per il marketing dei prodotti)


#39. Le vendite durante il periodo natalizio rappresentano il 30% dei ricavi realizzati nel segmento dei supermercati dell’industria floreale statunitense. Il valore totale di queste transazioni nel 2015 è stato di 2,28 miliardi di dollari. La maggior parte delle vendite natalizie riguardano le stelle di Natale. (Associazione per il marketing dei prodotti)


#40. L’89% dei clienti floreali dei supermercati dichiara di essere “soddisfatto” o “molto soddisfatto” dei propri acquisti. (Associazione per il marketing dei prodotti)


#41. Il 79% dei clienti dei negozi di alimentari afferma di aver acquistato fiori recisi al mercato locale nell’ultimo anno. Il 73% ha acquistato mazzi di fiori. I successivi acquisti preferiti sono stati le composizioni floreali (30%), le piante verdi (28%) e i fiori di campo (24%). (Associazione per il marketing)


#42. I bouquet rappresentano gli acquisti principali effettuati nei supermercati, rappresentando il 29% di tutte le vendite. Le rose arrivano al secondo posto con una quota del 16% del segmento. Al terzo posto si collocano i gruppi dei consumatori con una quota del 14%. (Associazione per il marketing dei prodotti)

bouquet di fiori
Bouquet di fiori

#43. Il 59% dei supermercati e dei negozi di alimentari afferma che daranno importanza alle rose nel prossimo anno per promuovere vendite più elevate. Arrangiamenti (56%) e bouquet (56%) si classificano al secondo posto a pari merito. Seguono i palloncini (44%), le piante da fiore (44%) e i mazzi da consumo (41%). (Associazione per il marketing dei prodotti)


#44. Solo il 6% dei supermercati prevede di promuovere i fiori a stelo singolo come prodotto di punta nei prossimi 12 mesi. (Associazione per il marketing dei prodotti)


#45. Il 97% delle aziende floreali afferma che l’aumento della redditività è la loro principale priorità operativa nei prossimi 12 mesi. (Associazione per il marketing dei prodotti)


Tendenze e analisi del settore floreale

Nel XX secolo i centri di coltivazione dei fiori si sono spostati dall’Europa al Sud America e molti ex produttori sono diventati importatori. Anche il modo in cui i consumatori si avvicinano al settore è cambiato nel corso degli anni, passando da un acquisto “solo perché” a un regalo per occasioni speciali.

Stiamo assistendo a un altro cambiamento in atto nel settore in questo momento. I consumatori preferiscono acquistare più spesso i fiori online o fare acquisti di persona nei negozi di alimentari o nei supermercati. Questa tendenza riduce la vitalità dei negozi di fiori indipendenti, motivo per cui i proprietari gestiscono da soli l’attività media.

Il settore stesso continuerà a prosperare, anche se il livello di ricavi di 100 miliardi di dollari sembra essere un limite informale difficile da superare. Si prevede che il settore continuerà a registrare vendite a questo livello nel prossimo periodo di previsione di 5 anni man mano che le aziende si consolidano, i dipendenti si spostano in nuove sedi e l’e-commerce diventa il metodo di acquisto principale.

logo efiori
Vendita e consegna fiori online