Indietro

L’insolita storia della canzone «Happy Birthday»

L’insolita storia della canzone «Happy Birthday»

Con i suoi testi semplici e l’accattivante melodia a sei note, «Happy Birthday to You» è una delle canzoni più famose al mondo. Quasi tutti la conoscono, poiché viene cantata ad alta voce ogni anno, prima che l’ospite d’onore spenga le candeline della torta di compleanno.

Torta di Compleanno
Torta di Compleanno

È stata tradotta in almeno 18 lingue

Ogni anno fa parte di milioni di celebrazioni di compleanno per persone di tutte le età. Marilyn Monroe ne ha dato una memorabile interpretazione, cantandola al presidente John F. Kennedy, ed è arrivata persino nello spazio, quando l’equipaggio dell’Apollo XI l’ha intonata durante la loro missione nel 1969.

Ma basta scavare un po’ più a fondo nella storia di questo classico pezzo di musica americana e si scopre che è stato protetto per decenni da copyright globale. Chiunque volesse utilizzare la canzone a fini commerciali, ad esempio in un film, in un’esibizione pubblica o persino in un biglietto di auguri musicale, doveva pagare una quota all’editore musicale Warner Chappell Music. I diritti d’autore facevano guadagnare all’azienda circa 2 milioni di dollari l’anno.

Come «Buon compleanno a te» è diventata di pubblico dominio

La regista Jennifer Nelson è stata una di quelle che ha pagato la quota: $ 1.500 per assicurarsi i diritti per il suo documentario sulla canzone e la sua storia. Qualcosa, però, le è sembrato sbagliato riguardo al copyright. Nel 2013, Jennifer ha intentato un’azione collettiva che alla fine ha portato «Happy Birthday to You» a diventare di pubblico dominio nel 2015.

jennifer nelson happy birthday
jennifer nelson happy birthday

«L’intera esperienza è stata una grande avventura. Una cosa dopo l’altra, però, siamo arrivati ad una causa legale di tre anni e alla liberazione definitiva della canzone “Happy Birthday”», dice Jennifer.

Allora, chi ha scritto «Buon compleanno a te» e come è finito in una battaglia sul copyright? 

Le risposte possono essere trovate nel pluripremiato cortometraggio di Jennifer, «Saving Happy Birthday», commissionato dal britannico «The Guardian».

Da «Buongiorno a tutti» a «Buon compleanno a te»

Nel 1883, Mildred J. Hill insegnava all’asilo in una scuola nel suo nativo Kentucky, dove sua sorella, Patty Smith Hill, era preside. Le sorelle hanno collaborato a un inno facile da cantare e da ricordare per gli insegnanti, per accogliere i giovani studenti in classe ogni giorno. Mildred ha creato la melodia e Patty ha scritto il testo della canzone che hanno chiamato «Good Morning to All», cioè «Buongiorno a tutti».

«Buongiorno a te,

Buongiorno a te,

Buongiorno, cari figli,

Buon giorno a tutti!».

Alcuni anni dopo, le sorelle hanno modificato i loro testi per una festa di compleanno, ha scoperto Jennifer. Come parte delle sue riprese, ha visitato la «Little Loom House» nel Kentucky, la capanna estiva della famiglia Hill dove è nata la canzone «Happy Birthday to You».


«Gli Hills organizzavano feste delle fragole nelle capanne e si godevano il fresco dei boschi», dice Jennifer. «Un’estate, era il compleanno di una delle amiche delle sorelle Hill, Lysette Hest, e Patty e Mildred decisero di festeggiare il suo compleanno cantando una canzone».

«Gli Hills hanno sostituito il testo con una canzone che hanno scritto nel 1883 intitolata “Good Morning to All”, e hanno inserito “Happy Birthday to You”, usando la stessa melodia”, dice Jennifer. «È stato un successo!».


Anche se le sorelle Hill non avevano modo di sapere quanto sarebbe diventata popolare la loro canzone, avevano un’idea di quanto piacesse alla gente, dice Jennifer.

«Gli Hills facevano parte del movimento dell’asilo – la prima volta che i bambini andavano a scuola – e si recarono all’Esposizione Universale di Chicago nel 1893 per presentare il loro libro, “Storie di canzoni per l’asilo”, che conteneva la canzone “Happy Birthday”». Il copyright per il libro dei canti degli Hills è scaduto nel 1921.

La fama della canzone, tuttavia, era appena iniziata. Negli anni ’30, Jennifer dice che «Happy Birthday to You» è apparso nel primo telegramma cantando della Western Union e nel musical di Broadway di Irving Berlin, «As Thousands Cheer».

A questo punto è entrata in scena Jessica Hill, una terza sorella Hill. Lavorando con la Clayton F. Summy Company, editrice del libro di canzoni delle sue sorelle maggiori, Jessica Hill si assicurò un nuovo copyright per la canzone di compleanno nel 1935.

Secondo le leggi dell’epoca, questo copyright sarebbe scaduto, consentendo alla canzone di entrare nel pubblico dominio entro il 1991. Tuttavia, diversi atti di estensione del copyright hanno consentito ai diritti di durare almeno fino al 2030.

Qualcosa da festeggiare

Quando Jennifer è entrata in scena, la Warner Chappell Music, che ha acquistato la casa editrice che possedeva i diritti della canzone per 25 milioni di dollari nel 1988, guadagnava 2 milioni di dollari di diritti d’autore ogni anno da «Happy Birthday to You».

Tuttavia, nella sua decisione del 2015, il giudice federale George H. King ha stabilito che il copyright del 1935 ottenuto dalla Summy Company garantiva i diritti solo su determinati arrangiamenti della musica per pianoforte, non sulla canzone stessa.

King, quindi, ha stabilito che la Warner Chappell Music non possedeva i diritti sulla canzone, e l’ha dichiarata di pubblico dominio. La casa editrice ha accettato di pagare $ 14 milioni nell’accordo, ponendo fine alla sua richiesta di copyright e alla sua capacità di riscuotere i diritti d’autore. Di conseguenza, Jennifer le ha restituito $ 1.500.


Da una canzone originariamente destinata ad accogliere i bambini a scuola fino a diventare la canzone più riconosciuta in lingua inglese, «Happy Birthday to You» ha fatto molta strada sin dal suo inizio. Ora che sai qualcosa in più sulla sua storia, potresti essere ispirato a cantarla con ancora più entusiasmo alla prossima festa di compleanno cui parteciperai!

logo efiori
Vendita e consegna fiori online