Indietro

Come mai le rose sono l’ultimo simbolo d’amore universale

Questo San Valentino, molti di noi seguiranno la tradizione secolare di regalare rose come simbolo d’amore all’oggetto del nostro affetto.

Ci sono circa 400.000 specie di fiori nel mondo, molti dei quali belli quanto la rosa, ma nessuno è un simbolo di romanticismo così intramontabile. Ti sei mai chiesto perché? Per scoprirlo abbiamo fatto una breve passeggiata tra i libri di storia.

Miti sulla rosa magica

Le prove fossili suggeriscono che la rosa abbia circa 35 milioni di anni, quindi non c’è da meravigliarsi che ricompaia in molte storie antiche! Hai mai realizzato che “rose” è un anagramma di Eros, il dio greco dell’amore? La mitologia greca narra che un giorno Clori, la dea dei fiori, stava passeggiando nei boschi quando incontrò una ninfa senza vita. Rattristata dalla sua prematura scomparsa, lo trasformò in un fiore così bello che sarebbe stato giudicato La Regina dei Fiori da tutto l’Olimpo. Afrodite, dea dell’amore e madre di Eros, la chiamò “rosa” in onore di suo figlio.


L’associazione della rosa con la devozione può essere fatta risalire a un altro mito greco.

La leggenda narra che quando Afrodite scoprì un complotto omicida contro il suo amante mortale, Adone, si precipitò attraverso un cespuglio di rose per avvertirlo e si tagliò le caviglie con le sue spine. Il suo sangue fece diventare rossi i petali bianchi. Dopo aver scoperto che era troppo tardi e che era stato incornato da un cinghiale, pianse mentre lui moriva tra le sue braccia. Le sue lacrime si mescolarono al suo sangue e scoppiarono in anemoni.


Rose Simbolo d’amore: Rose e Romani Le rose erano popolari durante tutto il periodo romano.
Venivano usate per scopi medicinali, profumi e come confetti. Le coppie appena sposate indossavano corone di rose e i loro letti erano ricoperti di petali di rosa, collegando le rose all’amore e al desiderio sessuale. Anche la frase “sub rosa” o “sotto la rosa”, che significa “confidenzialmente”, deriva da quest’epoca passata. I soffitti romani erano spesso decorati, dipinti o incisi con rose per incoraggiare gli ospiti a mantenere privato ciò che veniva pronunciato sotto di loro. Cavalieri e rose inglesi Avanzando rapidamente fino al XV secolo, quando la Casata dei Lancaster e la Casata degli York fecero una crociata per governare l’Inghilterra in una serie di sanguinose battaglie che in seguito divennero note come la Guerra delle Due Rose. Lo stemma araldico della Casata dei Lancaster era una rosa rossa e quello della Casata degli York, una rosa bianca. Nel 1485, la battaglia di Bosworth vide Henry Tudor, un Lancaster, sconfiggere il re Riccardo III e diventare re Enrico VII. Il suo matrimonio con Elisabetta di York unificò le fazioni rivali e nacque la rosa Tudor rossa e bianca.


La rosa è stata il fiore nazionale dell’Inghilterra

Sin da quel maledetto periodo, con il termine “rosa inglese” comunemente usato per descrivere una bruna naturalmente carina con pelle chiara simile alla porcellana, guance arrossate e labbra rosa.

Rose Simbolo d’amore: Il fiore preferito di Shakespeare La parola “rosa” appare più di 70 volte nelle opere e nei sonetti di Shakespeare del XVI secolo, ed è il fiore che lui menziona di più.

Nelle righe di apertura di Venere e Adone, il bardo descrive il suo eroe maschio come “dalle guance rosee”, riferendosi al già citato mito greco. Più famoso, in Romeo e Giulietta, Giulietta della Casa dei Capuleti sostiene la sua causa per amare Romeo, della rivale Casa dei Montecchi, con la frase: “Cosa c’è in un nome? Ciò che noi chiamiamo rosa, con qualsiasi altro nome avrebbe lo stesso profumo”. Imparare il linguaggio dei fiori Durante l’era vittoriana del 19° secolo, gli innamorati usavano la floriografia, o “il linguaggio dei fiori”, per scambiarsi messaggi nascosti tramite mazzi di fiori conosciuti come tussie-mussies o mazzi di fiori. In questo dizionario floreale unico, la rosa rossa simboleggia l’amore, la passione, il romanticismo e la devozione. Era usato per dire semplicemente e con orgoglio “ti amo”, magari a San Valentino in un’epoca in cui l’espressione verbale di tali sentimenti era ritenuta socialmente inappropriata.

Altri colori delle rose hanno significati simili, ma leggermente diversi. Le rose rosa rappresentano affetto e ammirazione, il che le rende una buona scelta per le relazioni in erba, mentre le rose bianche simboleggiano la purezza e sono ancora popolari nei matrimoni e nei funerali oggi. Le rose gialle riflettono l’amicizia. Qualunque cosa tu faccia, evita le rose nere (in realtà rosso molto scuro), poiché hanno una lunga associazione con la morte!

Rose come star del cinema Le rose sono spesso usate nei film come simboli di amore, sessualità e desiderio. Il film premio Oscar degli anni Novanta American Beauty vede Angela, l’irraggiungibile oggetto della lussuria di Lester, apparire nei suoi sogni, sdraiata nuda su un letto di petali di rosa. Poi, ovviamente, c’è La Bella e la Bestia della Disney, con la sua iconica rosa magica. Il principe, trasformato in una bestia da una strega come punizione per il suo comportamento arrogante, deve trovare il vero amore prima che cada l’ultimo petalo della rosa, altrimenti rimarrà una bestia per sempre. Il nostro preferito è Il Piccolo Principe del 2015, basato sul romanzo di Antoine de Saint-Exupéry del 1943 su un giovane principe che si innamora di una rosa che simboleggia la moglie dell’autore. Sebbene imperfetto sotto molti aspetti, il principe si rende conto che, nonostante esistano molte altre rose, la sua è la più speciale di tutte perché l’ha amata e curata. Se questo non è romantico, non sappiamo cosa lo sia! Fiori per San Valentino